Paradontologia

La parodontologia (dal greco, studio di tutto ciò che sta intorno al dente e che gli dà sostegno) è la branca dell’odontoiatria che si occupa delle malattie delle gengive e dell’apparato di sostegno dei denti.
La malattia parodontale, o parodontopatia, inizia quando uno o più elementi dell’apparato parodontale, dopo essere stati colonizzati da numerose specie batteriche, smettono di esercitare la propria funzione di sostegno causando mobilità dentale, da molti ritenuta la vera malattia parodontale e meglio conosciuta con il termine popolare di “piorrea”.

E’ opinione diffusa che contro questa malattia, che causa la mobilità e la perdita dei denti (piorrea), vi sia poco da fare e che sia normale soffrirne se lo stesso è avvenuto ai propri genitori o si è in particolari momenti della vita, quali la gravidanza.
In realtà i disturbi delle gengive e dell’osso sottostante possono essere prevenuti e controllati e vengono indicati come malattie parodontali o parodontopatie, poiché colpiscono l’insieme di strutture che circondano il dente e lo mantengono saldamente attaccato all’osso.

Oggi la piorrea si può prevenire e curare efficacemente, purché non la si trascuri fino a portarla ai suoi ultimi stadi, permettendo la conservazione dei denti fino all’età più avanzata.
E’ opportuno però conoscere cos’è e come si manifesta negli stadi precoci.
I progressi fatti nel campo della parodontologia permettono oggi di conoscere la predisposizione personale a sviluppare la piorrea e di diagnosticare ad uno stadio precoce l’attività della stessa.